Chiudi il banner
Questo sito utilizza esclusivamente cookie analytics e tecnici.

Ai sensi del provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante della Protezione dei Dati Personali per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto il consenso degli utenti (art. 13 del Codice privacy).

Per maggiori informazioni consulta l'informativa estesa

In mostra al Museo d'Arte della città di Ravenna: "La seduzione dell’antico"

Da Picasso a Duchamp, da De Chirico a Pistoletto

Dal 21 Febbraio al 26 Giugno 2016

Ente Organizzatore: Comune di Ravenna - Assessorato alla Cultura, MAR , Ravenna

Ingresso: € 9 intero; € 7 ridotto e gruppi; € 4 studenti, accademia, università e insegnanti; € 5 Audioguida

Orari:
fino al 31 marzo
martedì - venerdì 9-18
sabato e domenica 9-19
chiuso il lunedì / Closed on Mondays

dal 1° aprile :
martedì - giovedì 9-18
venerdì 9-21
sabato e domenica 9-19
chiuso il lunedì

La biglietteria chiude un’ora prima

aperture festive 9-19
Pasqua, Lunedì dell’Angelo, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno


Giorni di Chiusura: Lunedì

Sede: Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna

"Quel non so che di antico e di moderno...." lo scriveva Carlo Carrà in un tempo in cui, dopo la stagione futurista, era ormai rivolto ad un ripensamento del passato avviato con 'Parlata su Giotto' e 'Paolo Uccello costruttore'.

Un pensiero che ormai andava diffondendosi anche oltre i confini, ambiguamente definito il 'ritorno all'ordine' dopo le 'avventurose' sortite delle avanguardie che avevano segnato il primo Novecento fino agli anni della Grande Guerra.

Ma se la fase delle avanguardie storiche non poteva dirsi conclusa, almeno fino all'entrata in scena del Surrealismo, col manifesto del 1924, il clima storico era profondamente mutato, come stanno a documentare i cambiamenti di rotta di diversi protagonisti di quelle stesse avanguardie.

La mostra, realizzata grazie al prezioso sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, esamina quanto insopprimibile sia stato il richiamo dell' “antico” lungo tutto il '900. Il secolo che all'insegna del 'nuovo' ha visto le avanguardie dei primi decenni e quindi le neoavanguardie del secondo dopoguerra, protagoniste della scena artistica internazionale, e alle quali anche la critica, Musei, Fondazioni e un mercato sempre più determinante, hanno rivolto le maggiori attenzioni.

Questa mostra, ripercorrendo la storia del secolo scorso con uno sguardo diverso, mira a documentare artisti e vicende che testimoniano l'attenzione all' “antico” non solo degli artisti che non sono stati partecipi delle ricerche e delle trasgressioni delle avanguardie, ma anche di molti che senza rinnegare la loro appartenenza a movimenti, gruppi, tendenze innovative, hanno attinto, in modi diversi, alla memoria storica.

Una memoria ripresa talora come restituzione moderna di modelli dell'antico, magari fino all'esplicita citazione; oppure in forma evocativa, o ancora, come pretesto per una rilettura inedita o uno sguardo disincantato rivolto a opere e figure mitizzate del passato per contestualizzarle in una contemporaneità all'apparenza quanto più lontana dalla tradizione. Fino alle operazioni più disincantate e dissacratorie condotte da alcuni artisti.

Da protagonisti come De Chirico, Morandi, Carrà, Martini, Casorati, al periodo cruciale del 'ritorno all'ordine' fra le due guerre, col 'Novecento' di Margherita Sarfatti e Sironi figura dominante, fino al cosiddetto 'Realismo magico', ma anche alle versioni diversissime del 'neobarocco', da Scipione a Fontana a Leoncillo; figure come Guttuso e Clerici, quindi la stagione della Pop Art, con Schifano, Festa, Angeli, Ceroli, e quindi, nel pieno dell'Arte Povera, Paolini e Pistoletto.

E ancora, da Salvo ad Ontani, da Mariani a Paladino. Con una presenza rilevante di stranieri quali Duchamp, Man Ray, Picasso, Klein, per citare solo pochi nomi.